ORARI: da lun a ven 6:00 – 12:00/14:00 -17:00 | sab 6:00 – 12:00
Blog

Scegli l’arancia, il frutto dell’inverno.

Tutte le caratteristiche dell’arancia: dalle proprietà nutrizionali ai benefici, dalle molteplici varietà alla spremuta.

L’inverno è ormai arrivato. E con esso il freddo. Le giornate si sono accorciate e i pomeriggi invernali si fanno più “spenti”. A risentirne non è solo il tuo umore, ma anche il fisico: in questo periodo è normale arrivare a casa la sera e sentirsi più stanchi e abbattuti.

E allora come fare per “ricaricarsi”? Il rimedio – al 100% naturale – c’è eccome!

Ti basta avere qualche arancia in cucina.

 Arancia: proprietà nutrizionali e benefici

L’arancio è un albero da frutto appartenente alla famiglia delle Rutacee. Da qui nasce l’arancia, uno degli agrumi più apprezzati al mondo dalle persone di tutte le età.

Conservabile per una settimana a temperatura ambiente oppure in frigorifero anche per 14 giorni, l’arancia vanta molteplici proprietà nutrizionali. È una bomba vitaminica, ma decisamente povera di calorie. Per 100 grammi di arancia, infatti, sono presenti appena 34 kilocalorie: è quindi un tipo di frutto consigliato per i regimi dietetici.

In una classica arancia, senza considerare la buccia, si contano circa 87,2 g di acqua, 7,8 g di carboidrati, 7,8 g di zuccheri, 1,6 g di fibre, 0,7 g di proteine e 0,2 g di grassi; a questi si aggiungono 200 mg di potassio, 49 mg di calcio, 22 mg di fosforo, 3 mg di sodio e 0,2 mg di ferro. Assente il colesterolo.

Ricchissima di vitamina C (50 mg), vanta anche una minima presenza di Vitamina B1 (0,06 mg), Vitamina B2 (0,05 mg), Vitamina B3 (0,2 mg) e Vitamina A (71 µg).

Innumerevoli sono i benefici dell’arancia per il nostro organismo:

  • Aumenta la resistenza del corpo umano contro gli agenti chimici, fisici e ambientali;
  • Rinforza le difese immunitarie contro virus e batteri;
  • Protegge la pelle dall’esposizione solare e dall’inquinamento;
  • Previene disturbi cardiovascolari e calcoli renali;
  • Svolge un’azione antistress ed assicura un effetto calmante;
  • Rimedio naturale per la mancanza di appetito, favorisce la digestione e depura l’organismo;
  • Allevia i dolori di stomaco;
  • Previene l’anemia, la riduzione patologica dell’emoglobina;
  • Grazie al suo potere antiossidante, rallenta forme degenerative tumorali;
  • Stimola l’attività cerebrale;
  • Riduce la possibilità di perdita dell’udito e della vista;

Grande varietà: i principali tipi di arancia

L’arancia è l’agrume più consumato e diffuso al mondo. Il primato appartiene al Brasile, che vanta una produzione annua stimata attorno ai 18 milioni di tonnellate; l’Italia è invece al 5^ posto, con 2,5 milioni. Vista la grande domanda sul mercato, nel nostro paese si coltivano moltissime varietà di arancia.

Innanzitutto, occorre fare una prima distinzione tra l’arancia dolce e quella amara: la prima appartiene alla varietà che comunemente tutto il mondo associa all’arancia, mentre la seconda viene solitamente impiegata per il consumo industriale. A questo punto, prendiamo in considerazione solo la tipologia dolce, quella più conosciuta e amata dai consumatori. A seconda del colore della polpa, è possibile distinguere due macrocategorie: arancia bionda (la più dolce e succosa) e arancia rossa (o pigmentata).

Le principali varietà di arancia bionda:

  • Valencia. È tra le tipologie più amate da produttori e consumatori;
  • Belladonna. Non è molto diffusa. Buccia spessa e ricca di zuccheri, è famosa per il suo sapore molto dolce;
  • Ovale. Prende il nome dalla sua forma. Con buccia sottile ma abbastanza resistente, è povera di semi. Per via dei molti zuccheri e dell’elevato livello di acidità, è una tipologia molto dolce;
  • Navel (o Ombelicata). Nasconde al suo interno un’altra piccola arancia gemella, esattamente dalla parte opposta del picciolo. Non presenta semi al suo interno. Ottima per una spremuta, ma molto usata anche da accompagnamento a cibi e bevande;
  • Newhall. È una varietà di arancia Navel, ma caratterizzata dalla presenza di una depressione a forma di ombelico. Con buccia di medio spessore, è un’arancia di altissima qualità;
  • Washington Navel. Ha una forma sferica allungata. Senza semi, possiede un gusto molto gradevole e mai acido;
  • Navelata. Nasce dalla mutazione dell’arancia Washington Navel. Diffusione limitata a causa della bassa produttività, ma ha un ottimo sapore.

Le principali varietà di arancia rossa:

  • Sanguinello. Molto apprezzata in Sicilia, è l’ideale per preparare spremute di colore rosso intenso. Assai succosa, presenta pochi semi e bassa acidità;
  • Moro. È la varietà in assoluto più pigmentata. Di forma globosa, ha un sapore tendenzialmente gradevole ma una piccola nota di acidità;
  • Tarocco. La più pregiata al mondo. Con elevata succosità, presenta un equilibrio tra dolce e acido. Con buccia di spessore medio, vanta un aroma indistinguibile: è la regina delle arance siciliane.

 Arancia in cucina: la spremuta

L’arancia è un alimento molto utilizzato anche per accompagnare cibi e bevande. Oltre che ottima idea per arricchire macedonie di frutta e decorare drink da aperitivo, l’arancia si sposa bene con piatti di carne e pesce: il più celebre è l’anatra all’arancia, ricetta agrodolce per antonomasia.

Ma rimaniamo sul classico: dici arancia e non puoi non pensare alla spremuta.

Cosa c’è di meglio che iniziare la tua giornata con caffè, cornetto caldo e spremuta d’arancia? Oppure, fare una pausa dal lavoro e concedersi una bella spremuta fresca come merenda pomeridiana? È un concentrato di energia e benessere.

E ricorda: la spremuta d’arancia va bevuta subito dopo la preparazione, poiché le sue proprietà nutritive tendono a disperdersi nell’aria.

Bere regolarmente spremute d’arancia è un ottimo metodo per assumere in maniera sana Vitamina C, sostanza fondamentale per l’organismo di ognuno di noi – soprattutto per i bambini e per chi pratica sport.

Ma non è tutto. La spremuta d’arancia è consigliata anche per le persone che soffrono di diabete, poiché gli agrumi contengono poco zucchero ed hanno elevate capacità diuretiche: il suo succo permette di regolare in maniera naturale i livelli di zucchero nel sangue.

In questo caso è proprio vero: bere una spremuta d’arancia al giorno…toglie il medico di torno!

Contattaci per avere le migliori arance sulla tua tavola!